Dopo la cancellazione, Dash spinge indietro contro l’etichetta

Dopo la cancellazione, Dash spinge indietro contro l’etichetta „moneta della privacy“.

Nonostante le affermazioni del passato, Dash insiste sul fatto che non è più privato di Bitcoin

Un recente tweet dall’account ufficiale di Dash su Twitter ha invitato a criticare il fatto che la criptovaluta, che una volta pubblicizzava le sue Crypto Code caratteristiche di privacy, sta appassendo di fronte a possibili controlli normativi.

Il 1° gennaio, la borsa Bittrex con sede negli Stati Uniti ha annunciato in un tweet che avrebbe cancellato Monero, Zcash e Dash:

#Clienti Bittrex:

I mercati $XMR, $ZEC e $DASH saranno rimossi venerdì 15 gennaio alle 23:00 UTC.

Dettagli: https://t.co/8qAdjuwryJ
– Bittrex (@BittrexExchange) 1 gennaio 2021

Le cancellazioni seguono un annuncio simile della settimana scorsa, il 29 dicembre, secondo cui Bittrex avrebbe cancellato l’XRP a seguito di una causa della SEC contro Ripple, il che fa supporre che lo scambio abbia cancellato preventivamente le monete per la privacy in previsione di un più ampio giro di vite normativo.

In risposta, Dash ha annunciato in un tweet di aver „contattato @BittrexExchange per richiedere un incontro“, e che riferirsi a DASH come „moneta della privacy“ è un termine improprio:

Da un punto di vista tecnico, la funzionalità della privacy di Dash non è superiore a quella di Bitcoin, rendendo l’etichetta di „moneta della privacy“ un termine improprio per Dash. Abbiamo contattato @BittrexExchange per richiedere un incontro con il loro team di conformità. Speriamo che questo venga presto corretto. https://t.co/QA66OoshPn
– Trattino (@Dashpay) 1 gennaio 2021

Nel 2017, tuttavia, gli screenshot archiviati dal sito web della Dash Foundation pubblicizzano DASH come „la prima moneta criptata al mondo incentrata sulla privacy“. L’attuale sito web della Dash Foundation dice invece che DASH è „la principale moneta criptata per i pagamenti“.

In un recente tweet sull’amministratore delegato di DashPay, Ryan Taylor, ha anche minimizzato le caratteristiche di privacy della valuta:

10/ La funzione PrivateSend di Dash è semplicemente un’implementazione del marchio CoinJoin non detentivo. Non prendetemi in parola… esperti leader del settore come Chainalysis e Perkins Coie sono d’accordo.
– Ryan Taylor (@RTaylor05) 2 gennaio 2021

Mentre l’apparente faccia tosta ha scatenato scherzi e critiche su Twitter, i sostenitori hanno notato che Dash ha rilasciato una guida sulle caratteristiche di privacy della criptovaluta in agosto. In un blog sul sito ufficiale di Dash, Taylor ha scritto che „i regolatori sono preoccupati che gli scambi possano non essere in grado di rispettare le norme KYC / AML quando si scambiano monete con caratteristiche di privacy“, perché DASH è „spesso presente nelle liste di monete con caratteristiche di privacy“.

Tuttavia, Taylor ha scritto che Dash ha avuto successo nel convincere gli scambi e i regolatori che Dash non è una moneta con caratteristiche di privacy

„Attraverso un processo di educazione, siamo stati efficaci nello spiegare la tecnologia e nel convincere i regolatori che accettare Dash non comporta rischi incrementali rispetto a Bitcoin“.

I chiarimenti sull’obiettivo principale di Dash seguono un annunciato aggiornamento di Dash che passa alla fase di testnet, un aggiornamento che includerà DashPay, un „portafoglio per i pagamenti criptati sociali“. DASH è sceso del 3% rispetto al giorno precedente a 87,71 dollari.